Via Massari Marzoli 21

21052 Busto Arsizio (VA)

+39 0331 309406

Energia verde certificata

Laborplast ritiene che la lotta al cambiamento climatico sia una questione di estrema importanza. Per questo motivo, a decorrere dal mese di Aprile 2022 la totalità dell’energia elettrica utilizzata da Laborplast, circa 6.900 MWh annui (6.900.000 kWh), proviene da fonti rinnovabili certificate EKOenergy, su cui vengono rilasciate garanzie di origine (GO) in conformità alla direttiva del parlamento europeo 2009/28/CE.

EKOenergy è il marchio ecologico internazionale no-profit di origine finlandese per l’energia rinnovabile. L’energia acquistata con marchio EKOenergy, oltre ad essere 100% rinnovabile, soddisfa rigidi criteri di sostenibilità, finanzia progetti contro la povertà energetica nei Paesi in via di sviluppo e sostiene attivamente il “Fondo per il clima”. EKOenergy contribuisce quindi a creare valore aggiunto insieme alle certificazioni ufficiali per l’energia rinnovabile, come le Garanzie d’Origine ed i certificati RECs e I-RECs.

L’energia certificata EKOenergy è esclusivamente prodotta dalle seguenti fonti sostenibili: solare, eolico, idroelettrico, biomassa. Non viene quindi utilizzata energia prodotta da combustibili fossili (gas, petrolio, carbone) e da impianti nucleari.

Il ministero dell’Ambiente fornisce le seguenti indicazioni relative alla CO2 prodotta dal mix energetico nazionale: “Per produrre un chilowattora elettrico vengono bruciati mediamente l’equivalente di 2,56 kWh sotto forma di combustibili fossili e di conseguenza emessi nell’aria circa 0,53 kg di anidride carbonica. Si può dire quindi che ogni kWh prodotto con energie rinnovabili evita l’emissione di 0,53 kg di anidride carbonica”.

Rapportando questi dati ai consumi aziendali si stima che con questa scelta si evita l’immissione nell’ambiente circa 3.650.000 kg di CO2 (3.650 ton).

ekoenergy

In aggiunta all’acquisto di energia 100% rinnovabile EKOenergy, Laborplast ha in previsione l’installazione di un impianto fotovoltaico di potenza pari a 310kW, che si prospetta possa fornire all’azienda circa il 5% del fabbisogno annuo.